LIVE REVIEWS

Recensione Ciriè Arts & Jazz Festival (10 ottobre 2008)
E’ questo un concerto davvero strabiliante, che parte da un’idea assai complessa che i Nostri hanno deciso di intitolare ‘Bartokosmos’. La crasi è rappresentata dall’attenzione del gruppo per l’estetica musicale di Béla Bartók e dall’approfondimento di una delle opere notevoli del compositore, ossia ‘Mikrokosmos’. La passione per questo progetto nasce dalla matrice popolare che segna la produzione di Bartók e dall’attrazione per alcune linee melodiche che il gruppo ha cercato di adattare e arrangiare, in un modo così insolito e profondo da auspicare al più presto l’uscita di un disco. La performance è in qualche modo teatrale, con Battaglia in grande serata pronto a percuotere i tasti del pianoforte anche con una bottiglia, facendone scaturire un suono singolare e perfetto per l’interplay, Marchesano che con le sue bellissime imponenti mani si alterna al contrabbasso e al basso elettrico, Bruna che muove conchiglie e cubetti di ghiaccio per simulare suoni liquidi e alla batteria è davvero notevole: secco, preciso, ‘seriamente implicato’. Ma soprattutto è il gioco della tromba di Ramon Moro a dare un senso di suono sospeso, un bellissimo fruscio che in un attimo diventa un tema tiratissimo mentre sotto accade di tutto e la sezione ritmica è scatenata, un’improvvisazione sapiente e geniale sulle pedaliere che non permette al cervello alcuna codificazione. Può solamente scaturire l’idea di una sorta di ‘metal jazz’, e a loro peraltro non dà fastidio se evoco gli Apocalyptica nel complimentarmi…
La sperimentazione – una tra le parole chiave di questo progetto – non dà la sensazione di essere in sala di registrazione ma arriva diretta e precisa allo spettatore, grazie anche a un’amplificazione molto accurata. In questo senso il pubblico è totalmente conquistato e richiede un doppio bis. E c’è anche chi sussurra che varrebbe persino la pena di approfondire la musica di Béla Bartók: dunque potenzialità di link mentali, forte impatto, conoscenza. Obiettivi non facili da perseguire, ma tutti raggiunti. Altro che ‘Quiet’ men…
Lorenza Cattadori – Jazz Convention year 2008

Recensione 33° RomaJazzFestival (17 novembre 2009):
Conoscevo già l’accoppiata 3Quietmen-Stefano Battaglia per averla ascoltata su disco ma francamente devo confessare che in concerto mi ha convinto molto di più. Innanzitutto linterazione fra il trombettista Ramon Moro, il bassista Federico Marchesano e il batterista Dario Bruna è assolutamente perfetta: i tre si intendono magnificamente grazie ad un idem sentire che li porta ad esprimersi sulla stessa lunghezza donda adoperando un linguaggio non semplicissimo. Il moderato uso dellelettronica che nulla toglie al lirismo della tromba, i temi ben scritti e altrettanto ben strutturati, il sound così fortemente caratterizzato nel senso di un forte richiamo alle atmosfere metropolitane conferiscono al gruppo una caratterizzazione ben precisa che può piacere o meno ma che di sicuro ha il pregio delloriginalità.
Cè poi laltra metà del progetto costituita da Stefano Battaglia che non esiterei a definire tra i migliori pianisti attualmente in esercizio. Dopo un lungo apprendistato, Stefano ha oramai avuto modo di affermarsi compiutamente grazie ad una tecnica sopraffina e ad un linguaggio che nulla concede allo spettacolo, sempre concentrato sulle proprie esigenze espressive. Di qui un pianismo che non disegna quei territori di confine tra jazz e musica colta così difficili da frequentare con successo e padronanza. Date queste premesse, Stefano ha accettato di buon grado questa nuova sfida che lo vede inserito in un contesto in cui il suo apporto risulta assolutamente determinante. Così è stato davvero un piacere per le orecchie ascoltare con quanta determinazione e fattiva partecipazione il pianista ha dialogato con gli altri tre in una sorta di continui rimbalzi sonori che hanno appassionato gli ascoltatori per tutta la durata del concerto.
A proposito di jazz – Gerlando Gatto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...